lunedì 28 dicembre 2009

Asciughino "Fratelli Graziano"

Ecco il mio ultimo lavoro..finito a tempo record!!
Neanche io so come ho fatto :D
Nel mio caso, non è normale finirlo in meno di una settimana!! :D
Ma il mio ragazzo mi ha detto all'ultimo minuto, che la madre avrebbe finito gli anni il 30..quindi con le festività di mezzo, è stato difficile ricamare...però il pomeriggio di natale, davanti alla tv con i cartoni (:D) mi sono portata avanti ^_^


Lo Schema dei Fiori l'ho trovato su "mani di Fata" ^_^

venerdì 25 dicembre 2009

Il mio presepe

Auguri a Tutte!!!!!! :D
Oggi vi faccio vedere il mio presepe...le foto le dovevo mettere giorni fa, ma mi sono sempre dimenticata, così ora che ho un pò di tempo, le posto ^^
Mi sono fatta raccogliere il muschio, poi con la mia fantasia, l'ho realizzato :)
Quest'anno ho fatto le montagne con 2 ciocchi di legno e ho anche fatto una specie di piazzetta dove ho fatto il mercato :)Avevo anche la fontana che funzionava davvero con l'acqua, ma qualche anno fa, a forza di girare, l'acqua si è prosciugata e quindi la pompa si è bruciata..-_-..

Quindi niente che si muove, però sono soddisfatta lo stesso di come è venuto :)

giovedì 24 dicembre 2009

Differenza uomo - donna

Pubblico un altro aneddoto divertente..questa volta dedicato alla differenza tra uomini e donne :)
Bisogna ammettere ahimè, che è vera questa cosa =P...noi donne siamo un pò chiacchierone :P

- la donna -

Donna1: Oh, mio Dio! Ti sei fatta i capelli! Ti stanno un amore!
Donna2: Trovi? Io non ero dello stesso parere quando mi hanno dato lo specchio. Voglio dire, non ti sembrano troppo ricci?
Donna1: Oh santo cielo, no! No, sono perfetti! Anche io volevo farmi un taglio così, ma penso che la mia faccia sia troppo rotonda. Forse è meglio che li lasci così come sono.
Donna2: Dici sul serio? Io trovo che il tuo viso sia adorabile. E potresti farti senza problemi uno di quei nuovi tagli tanto alla moda, saresti stupenda. Avevo intenzione di farlo anch'io, ma avevo paura che avrebbe messo in evidenza il mio collo.
Donna1: Oh, questa è bella. Mi pacerebbe avere il tuo collo. Qualsiasi cosa pur di distogliere l'attenzione da queste spalle enormi.
Donna2: Sei impazzita? Conosco ragazze che darebbero chissà cosa per avere spalle come le tue. Tutti i vestiti ti stanno così bene. Guarda le mie braccia, vedi come sono corte? Se avessi un po' più di spalle non avrei problemi ad indossare quello che voglio.
Donna1: Oh, non farmi ridere! Ma se praticamente tutti gli uomini cadono ai tuoi piedi. Comunque si è fatto tardi, ti devo salutare, scappo. Ciao!
Donna2: Arrivederci, cara!

- L'uomo -

Uomo1: Ehi, nuovo taglio?
Uomo2: Sì

Avventura in bagno

Stasera posto una cosa un pò diversa nel mio blog :)
Questa simpatica storiella, l'ho trovata un pò di tempo fa in un sito..è tanto simpatica perchè rispecchia ognuna di noi !! eheheheh
Leggetela e capirete ^_^

Il grande segreto di tutte le donne rispetto ai bagni è che da bambina tua mamma ti portava in bagno, puliva la tavolozza, ne ricopriva il perimetro con la carta igienica e poi ti spiegava: "MAI, MAI appoggiarsi sul gabinetto" e poi ti mostrava "la posizione" che consiste nel bilanciarsi sulla tazza facendo come per sedersi ma senza che il corpo venga a contatto con la tavolozza.

"La posizione" è una delle prime lezioni di vita di una bambina, importantissima e necessaria, deve accompagnarci per il resto della vita. Ma ancora oggi, da adulte, "la posizione" è terribilmente difficile da mantenere quando hai la vescica che sta per esplodere.

Quando "devi andare" in un bagno pubblico, ti ritrovi con una coda di donne che ti fa pensare che dentro ci sia Brad Pitt. Allora ti metti buona ad aspettare, sorridendo amabilmente alle altre che aspettano anche loro con le gambe e le braccia incrociate. È la posizione ufficiale di "me la sto facendo addosso".

Finalmente tocca a te, ma arriva sempre la mamma con "la bambina piccola che non può più trattenersi" e ne approfittano per passare avanti tutte e due!

A quel punto controlli sotto le porte per vedere se ci sono gambe.

Sono tutti occupati. Finalmente se ne apre uno e ti butti addosso alla persona che esce. Entri e ti accorgi che non c'è la chiave (non c'è mai); non importa... Appendi la borsa a un gancio sulla porta, e se non c'è (non c'è mai), ispezioni la zona, il pavimento è pieno di liquidi non ben definiti e non osi poggiarla lì, per cui te la appendi al collo ed è pesantissima, piena com'è di cose che ci hai messo dentro, la maggior parte delle quali non usi ma le tieni perché non si sa mai.

Tornando alla porta... Dato che non c'è la chiave, devi tenerla con una mano, mentre con l'altra ti abbassi i pantaloni e assumi "la posizione"... AAhhhhhh... finalmente...

A questo punto cominciano a tremarti le gambe... perché sei sospesa in aria, con le ginocchia piegate, i pantaloni abbassati che ti bloccano la circolazione, il braccio teso che fa forza contro la porta e una borsa di 5 chili appesa al collo. Vorresti sederti, ma non hai avuto il tempo di pulire la tazza né di coprirla con la carta, dentro di te pensi che non succederebbe nulla ma la voce di tua madre ti risuona in testa "non sederti mai su un gabinetto pubblico!", così rimani nella "posizione", ma per un errore di calcolo un piccolo zampillo ti schizza sulle calze!!! Sei fortunata se non ti bagni le scarpe. Mantenere "la posizione" richiede grande concentrazione. Per allontanare dalla mente questa disgrazia, cerchi il rotolo di carta igienica maaa, cavolo...! non ce n'è...! (mai).

Allora preghi il cielo che tra quei 5 chili di cianfrusaglie che hai in borsa ci sia un misero kleenex, ma per cercarlo devi lasciare andare la porta, ci pensi su un attimo, ma non hai scelta. E non appena lasci la porta, qualcunola spinge e devi frenarla con un movimento brusco, altrimenti tutti ti vedranno semiseduta in aria con i pantaloni abbassati. NO!! Allora urli "O-CCU-PA-TOOO!!!", continuando a spengere la porta con la mano libera, e a quel punto dai per scontato che tutte quelle che aspettano fuori abbiano sentito e adesso puoi lasciare la porta senza paura, nessuno oserà aprirla di nuovo (in questo noi donne ci rispettiamo molto) e ti rimetti a cercare il fazzolettino, vorresti usarne un paio ma sai quanto possono
tornare utili in casi come questi e ti accontenti di uno, non si sa mai. In questo preciso momento si spegne la luce automatica, ma in un cubicolo così minuscolo non sarà tanto difficile trovare l'interruttore! Riaccendi la luce con la mano del fazzolettino, perché l'altra sostiene i pantaloni, conti i secondi che ti restano per uscire di lì, sudando perché hai su il cappotto che non avevi dove appendere e perché in questi posti fa sempre un caldo terribile.

Senza contare il bernoccolo causato dal colpo di porta, il dolore al collo per la borsa, il sudore che ti scorre sulla fronte, lo schizzo sulle calze... il ricordo di tua mamma che sarebbe vergognatissima se
ti vedesse così; perché il suo sedere non ha mai toccato la tavolozza di un bagno pubblico, perché davvero "non sai quante malattie potresti prenderti qui".

Ma la debacle non è finita... sei esausta, quando ti metti in piedi non senti più le gambe, ti rivesti velocemente e soprattutto tiri lo sciacquone!

Se non funziona preferiresti non uscire più da quel bagno, che vergogna!

Finalmente vai al lavandino. È tutto pieno di acqua e non puoi appoggiare la borsa, te la appendi alla spalla, non capisci come funziona il rubinetto con i sensori automatici e tocchi tutto finché
riesci finalmente a lavarti le mani in una posizione da gobbo di NotreDame per non far cadere la borsa nel
lavandino; l'asciugamano è così scarso che finisci per asciugarti le mani nei pantaloni, perché non vuoi sprecare un altro kleenex per questo!

Esci passando accanto a tutte le altre donne che ancora aspettano con le gambe incrociate e in quei momenti non riesci a sorridere spontaneamente, cosciente del fatto che hai passato un'eternità là dentro. Sei fortunata se non esci con un pezzo di carta igienica attaccato alla scarpa o peggio ancora con la cerniera abbassata.

Esci e vedi il tuo ragazzo che è già uscito dal bagno da un pezzo e gli è rimasto perfino il tempo di leggere Guerra e Pace mentre ti aspettava. "Perché ci hai messo tanto?" ti chiede irritato. "C'era molta coda" ti limiti a rispondere.

E questo è il motivo per cui noi donne andiamo in bagno in gruppo, per solidarietà, perché una ti tiene la borsa e il cappotto, l'altra ti tiene la porta e l'altra ti passa il kleenex da sotto la porta; così è molto più semplice e veloce perché tu devi concentrarti solo nel mantenere "la posizione". E la dignità.

lunedì 21 dicembre 2009

BUON NATALE!!


Un Felice natale a tutte le mie sostenitrici!! e a tutti quelli che visitano il mio blog ^_^
Che sia pieno di cose buone da mangiare e tanta felicità e buon umore ^^
Baci a tutte!!

Fede

lunedì 14 dicembre 2009

Una nuova rivista di ricamo..

Nel giro di una settimana, ho comprato 2 riviste di ricamo...
Una è "Mani di Fata" però non è stato un acquisto molto azzeccato per me, perchè per lo + ci sono cose da comprare.
Però qualche idea l'ho rubata anche da lì :) ;)
Ieri invece ho trovato questa rivista al supermercato..è stupenda!!!!


Ci sono un sacco di schemi belissimi e non troppo difficili da realizzare :)
Se vi capita tra le mani, vi consiglio di prenderla...ancora non è tardi per realizzare qualcosa per natale :)

sabato 12 dicembre 2009

La gita a San Marino

Posto oggi, con un leggero ritaro (una settimana quasi..-.-) la mia uscita di famiglia a San marino.

Sono andata con i miei genitori, il mio amore e mia sorella con il suo ragazzo :)
Una piccola combriccola di matti insomma :)
Partenza: 10..levataccia prevista perchè dalla serata del sabato non si ritorna mai presto.

Però stranamente ci siamo riusciti a svegliarci tutti :)
Arrivati a san marino questa a sinistra era la vista...bellissima!!

Questa a destra sono io (:D) che mi sporgo da sopra uno strapiombo!! ..bruttissimo..però bella veduta :)

Ma la più bella in assoluto era senz'altro la veduta del castello/rocca...bellissimo!!..abbiamo fatto un giro dentro e ne vale proprio la pena =)

C'era un sacco di gente...pulman a bizzeffe e macchine a non finire..però fortunatamente il tempo ci ha assistito..era quasi una bella giornata...non era freddissimo :)

E per finire...vi lascio un mio scatto...il mio preferito della giornata XD
A quel tocco artistico che adoro :) :)

mercoledì 9 dicembre 2009

pasticcini in feltro..


Ed ecco il mio primo esperimento nel realizzare dei pasticcini con il feltro.
La foto del pasticcino quadrato l'ho trovata in questo SITO..non c'era il tutorial su come realizzarla e ho cercato di copiarla alla meglio :)
La girella invece l'ho vista in questo SITO dove c'è il tutorial scritto su come realizzare la girella ed altri tipi di pasticcini.

Beh, come primo esperimento direi che proprio bruttissimi non sono :)
Sperimenterò ancora, con altri tipi di dolcini :)

sabato 5 dicembre 2009

Pause cafè...continua...

Il mio ricamo procede..e sono sempre + soddisfatta di come sta venendo :)
Sarà perchè è la prima volta che faccio un ricamo così ^^

Altra decorazione natalizia

Ecco un'altra decorazione natalizia che ho fatto con il feltro.
Ho visto la foto nel sito www.paneamoreecreativita.it però non c'era un tutorial, quindi ho cercato di rifarlo seguendo la foto, e diciamo che ci sono riuscita :)


Non si vede molto, ma è in 3D, dietro c'è il terzo lato dell'alberello, così riesce a stare in piedi.
Io ho fatto così:
-Ho ritagliato un cartamodello a forma di abete.
-Ho ritagliato 3 pezzi di feltro verdi (uno di colore + scuro)
-Ho attaccato con la colla vinilica le decorazioni sull'albero: possono essere bottoni, paillettes, perline, luccichini...
-Con del filo rosso ho cucito i bordi delle forme in modo da dargli la forma tridimensionale. Non ho cucito le punte in modo da farci passare un cordoncino e nastro di raso.

Ed eccolo finito :)
Mamma se l'è già rubato...e ne devo fare uno per il mio amore :) :)

mercoledì 2 dicembre 2009

L'innaffiatoio porta penne


Ecco la mia ultima creazione con il feltro.
Anche questa non è un'idea mia, ma ho preso spunto dal tutorial di Paola (click sul nome per vedere il suo blog).
Ho seguito le sue istruzioni riguardo le misure e l'assemblaggio dei vari pezzi, poi per le decorazioni, ho dato spazio alla mia fantasia.


Ho fatto 2 cuori di diversa misura e li ho incollati con la colla a caldo..poi anche il cordoncino intorno e il fiocchetto per nascondere i 2 capi del cordoncino.
La calla è stata fatta con dei fogli di gomma e un pezzo di fil di ferro.
Sul becco dell'innaffiatoio ho messo un fiore fatto con il feltro leggero e una perlina nel mezzo.



Sono molto contenta di essere riuscita a farlo :) lo regalerò ad un'amica..:)